Libellula e candidati sindaci, tra impegni e sedie vuote

Si è svolto puntuale l’incontro tra il movimento La Libellula e i candidati a sindaco del comune di Barga, con una buona presenza di pubblico, seppure lontana dal tutto esaurito, al cinema Roma a Barga; presenti i candidati Campani, Feniello e Mastronaldi, assente invece il candidato della lista “Prima Barga”, Simone Simonini.

Come preannunciato, il dibattito si è svolto in maniera molto diversa da come ci hanno ormai abituato i noiosi confronti televisivi dove i giornalisti sono poco più che dei “porgitori di microfono” anziché mastini fustigatori e critici dei potenti come dovrebbero essere; a guidare il confronto è stato un Leonardo Mazzei in grande spolvero, che con la sua verve polemica e la sua profonda conoscenza della politica locale e nazionale, ha saputo argomentare e pungolare a dovere i tre candidati, strappando di tanto in tanto anche qualche salutare risata, ma sempre rispettando rigorosamente i tempi e la parità di trattamento; un primo ringraziamento, oltre che agli aspiranti sindaci intervenuti, va quindi a lui, col quale la collaborazione continuerà in perfetta sintonia come avvenuto fino ad oggi.

Per quanto riguarda i contenuti si è parlato di tematiche sanitarie, ricordando i drammatici dati sanitari ARS presentati a Ottobre 2018, di qui l’impegno a sostenere una serie di studi epidemiologici, come quello del progetto Citizen Science promosso dal prof. Biggeri, che possano individuare le relazioni di causa-effetto anche con le matrici di origine ambientale; ai tre candidati andrebbe ricordato magari che i dati ARS parlano di “eccesso” di mortalità e ricovero sulla media regionale, quindi è ben difficile parlare di influenza degli stili di vita, a meno di non voler sostenere che in media valle si mangi peggio o si fumi di più (o si faccia meno sport ecc ecc) che nel resto della Toscana.

I candidati hanno poi preso impegno a portare avanti un piano di miglioramento della qualità dell’aria (PAC) e anche delle analisi dei terreni volte a stabilire se esistano livelli significativi di contaminazione degli stessi e delle falde acquifere nonché la loro provenienza; analisi forse mai fatte a sufficienza in passato e quindi tardive, come ha ricordato Feniello, ma ciò non può comunque giustificare il perpetuarsi di una situazione gravemente dannosa per la salute dei cittadini: insomma, meglio tardi che mai.

Si è poi arrivati alla questione spinosa del pirogassificatore, passando dapprima per una valutazione generale della credibilità dell’azienda KME: Caterina Campani ha ricordato a tal proposito l’emblematico episodio della consegna delle chiavi dell’azienda da parte di Manes nel caso della mancata approvazione del fu progetto idroponico; è stato stigmatizzato da tutti i candidati anche l’atteggiamento arrogante della dirigenza, arroganza della quale sia Feniello che Mastronaldi si chiedono però l’origine, forse derivante dalla mancata realizzazione di promesse fatte in Regione? Chissà.

Al di là delle dietrologie e delle punzecchiature varie, i candidati hanno comunque tutti preso impegno sia a dare parere sanitario negativo alla realizzazione dell’impianto in Conferenza dei Servizi sia a ricorrere al TAR (e anche al Consiglio di Stato) contro una eventuale autorizzazione da parte della giunta di Enrico Rossi, ultimo boccone avvelenato che il presidente della Toscana vorrebbe lasciare in suo ricordo da queste parti, dopo essere stato invece contrario alla realizzazione di un inceneritore nella sua Firenze, la cui potenza elettorale è ahimè ben diversa dalla nostra (altro che scelta tecnica di cui si vaneggia da parte di altri candidati sull’altra sponda del Serchio!).

Altri temi toccati in serata sono stati quelli dei rifiuti e della riduzione della relativa tassa (che però pare assai difficile sia per disposizione normativa che per esigenze di bilancio, ahinoi); della mobilità sostenibile, con un generale impegno di tutti verso l’installazione di colonnine per auto elettriche e un miglioramento dei servizi di trasporto autobus per studenti e pendolari mentre per la ferrovia occorre ovviamente un lavoro di concerto con gli altri comuni; dell’edilizia sostenibile per la quale Campani ricorda come nel regolamento urbanistico vi siano già incentivi in questo senso, mentre Feniello ha ricordato come bisogna puntare anche sullo stop al consumo del suolo tramite un migliore utilizzo di alloggi già costruiti e oggi disabitati; si è parlato in generale anche dello spinoso tema del taglio dei trasferimenti centrali ai comuni, in specie a quelli montani, con Mastronaldi che ha proposto un assessorato dedicato proprio alla ricerca di questo tipo di fondi.

La serata si è poi conclusa con alcune domande personali, data la storia dei diversi candidati, sulle quali alcuni dei fan degli opposti schieramenti si sono innervositi, a nostro modo senza alcuna ragione; le domande scomode dovrebbero sempre far parte di un sano dibattito e non capiamo il problema nel dire a Feniello che nel suo programma non si fanno accenni al problema occupazionale di KME o a Mastronaldi che la sua lista civica ha una chiara connotazione o ricordare a Campani le tante divisioni del PD sulla questione pirogassificatore; sono osservazioni a nostro modo di vedere legittime e sensate alle quali peraltro i candidati hanno risposto serenamente e senza alcun problema: se è vero che spesso i nostri rappresentanti pubblici hanno dei difetti, in altri casi sarebbe meglio che gli elettori prendessero esempio da loro.

Un’ultima parola non possiamo non riservarla al grande assente della serata, Simone Simonini: per carità, non c’era nessun obbligo di partecipazione e rispettiamo la sua scelta; ciò che invece non possiamo accettare sono le accuse rivolteci a partire da quella davvero assurda secondo la quale lo avremmo “costretto, con le nostre modalità, ad assumere una posizione che rispecchi le convinzioni aprioristiche di un certo mondo ambientalista e anti industrialista“; al di là che è veramente fantasioso definire anti industrialisti i nostri membri, molti dei quali lavorano in aziende industriali (forse gestite meglio di KME, questo sì), vorremmo tranquillizzarlo sul fatto che il buon Mazzei non aveva alcun strumento di tortura per costringerlo a fare alcunché, ma solo un innocuo microfono; da parte nostra siamo sinceramente dispiaciuti di non aver potuto ascoltare una voce che avrebbe potuto arricchire il dibattito con un punto di vista senz’altro diverso; pur non essendo la Libellula obbligata ad alcuna regola di par condicio, non essendo noi una emittente radio-televisiva, la sua voce avrebbe avuto lo stesso spazio riservato agli altri, come chi è venuto ha potuto verificare.

Peccato, sarà per un’altra volta.

0

Potrebbero interessarti anche...