Parte la raccolta firme per il NO ALL’INCENERITORE KME

In concomitanza con le altre iniziative promosse, tra cui ricordiamo la manifestazione del 13 Ottobre a Fornaci di Barga, parte anche la raccolta firme indirizzata alla Giunta e al Consiglio Regionale della Toscana, nella quale si chiede di non autorizzare la realizzazione del gassificatore KME a Fornaci.

L’iniziativa è promossa come sempre dal Movimento La Libellula in collaborazione con gli altri comitati che hanno finora promosso i maggiori eventi e cioè il Comitato per l’Attuazione della Costituzione, l’Osservatorio della Sanità Valle del Serchio – Barga, i comitati Ambiente Valle del Serchio e il gruppo No al Pirogassificatore.

I moduli da firmare, composti da pagine numerate da 20 firme ciascuna, saranno distribuiti a tutte le persone che vorranno collaborare all’iniziativa, non solo persone fisiche ma anche esercizi commerciali che vogliano fungere da punto fisso per la raccolta per tutto il tempo necessario; saremo inoltre presenti in tutti i principali mercati e fiere della Valle del Serchio coi nostri banchetti; sul nostro sito www.movimentolalibellula.com è disponibile un’apposita sezione dove sono inseriti tutti i punti di raccolta della Valle; chiunque sia interessato a partecipare attivamente alla raccolta firme potrà avere i moduli numerati scrivendoci sulla nostra mail info@movimentolalibellula.com oppure entrando a far parte dell’apposito gruppo Whats App partecipando alle nostre riunioni aperte, in ogni caso mettendosi d’accordo con i nostri membri per la consegna manuale dei moduli; questi sono infatti numerati e non fotocopiabili e chiunque li ritirerà verrà segnato su apposito registro sul quale si segneranno i numeri dei moduli consegnati.

Nei moduli sarà necessario indicare in stampatello leggibile nome, cognome, luogo e data di nascita, comune di residenza, tipo di documento e numero del documento e infine la normale firma in corsivo; qualsiasi cittadino italiano dotato di documento di identità valido e che abbia un interesse a che la nostra Valle non venga deturpata dall’inceneritore, è invitato a firmare per far sentire la sua voce ai signori che in Regione volessero dare il loro assenso a un simile scempio; si ricorda come sia fondamentale essere in possesso di un documento di identità valido e si raccomanda di non firmare più di una volta, a difesa della correttezza e serietà dell’iniziativa.

 

0

Potrebbero interessarti anche...